Archivi tag: tecnologia

Digitale in Odontoiatria
Blog Bioservice Matrix

Quando si parla di digitale in odontoiatria in realtà non si sta affrontando un tema del tutto nuovo, già a metà degli anni ottanta erano state introdotte nella pratica odontoiatrica queste tecnologie, ma nell’ultimo decennio il loro impiego è aumentato esponenzialmente.

Le moderne tecniche hanno modificato il flusso e la sequenza di lavoro per lo svolgimento della prestazione odontoiatrica modificando la suddivisione dei compiti e di conseguenza la produttività del gruppo di lavoro.

Il tempo è denaro! In questo caso possiamo realmente affermare che il digitale abbia stravolto il ciclo di lavoro con grandi benefici a livello di tempistiche e di predicibilità.

Prima dell’avvento della tecnologia in campo odontoiatrico la sequenza di lavoro era scandita da passaggi imprescindibili dettati dalle metodologie tradizionali. Per chi li utilizza sono ancora all’ordine del giorno: la scelta dei supporti fisici, dei materiali per l’impronta, l’invio al laboratorio, la realizzazione fisica, l’attesa mentre i tecnici materializzano e re-inviano il tutto al medico, la verifica del lavoro in prova e finito (In taluni casi sono doverose modifiche e si rende necessario ripetere l’operazione dell’impronta). Tutto ciò comporta tempi e costi che vanno dagli spostamenti, alle molteplici sedute per il paziente, e ancora attese mentre l’odontotecnico modifica o riprende da capo il lavoro.

Quanto vale il Benessere? E Come si ottimizza il lavoro dell’operatore? Quali sono i vantaggi di cui beneficiare nella propria attività lavorativa?

L’impronta digitale rivoluziona ruoli, tempi, costi.

Il passaggio dalla tecnica convenzionale allo scanning intraorale ha modificato  l’esperienza dell’impronta tradizionale.

Lo scannig intraorale prevede che l’impronta realizzata sia totalmente digitale e che venga elaborata direttamente da un software che gestisce sia la parte relativa alla scansione orale sia la successiva fase di perfezionamento. Il tutto si svolge assieme al paziente, che prende coscienza dello stato della propria bocca e ciò di cui necessita grazie allo schermo che mostra in tempo reale cosa sta facendo il dentista. Grande professionalità e tecnologia da parte del medico, possibilità di monitorare a video per il paziente, un canale diretto e comprensibile che non ha bisogno di spiegazioni. Una volta terminata questa fase si procede alla stampa 3D, con margini di errore davvero limitati rispetto al metodo tradizionale.

La procedura si fa molto più confortevole e snella: per il paziente che non deve più subire  il disagio dell’impronta con materiali vari (tra conati e, non di rado, senso di soffocamento), per l’eliminazione di materiali di consumo come gesso, alginati, siliconi (impatto zero anche dal punto di vista ambientale), per l’assenza di errori considerata la possibilità di gestire il file digitale, per le tempistiche accorciate vista l’eliminazione delle procedure intermedie di fabbricazione del modello in gesso (inoltre i dati acquisiti tramite scanner sono utilizzabili dallo studio per progettare la protesi con la tecnologia CAD/CAM).

Che valore ha il tempo del paziente?

La domanda è retorica. Naturalmente le tempistiche contribuiscono a determinare il gradimento del paziente che risulterà tanto più soddisfatto quante meno sedute dovrà affrontare. Alla perdita di tempo ne corrisponde una in termini economici: permessi al lavoro, km che separano dallo studio dentistico (nel caso in cui non si trovi nelle vicinanze), mezzi di trasporto, parcheggi, la baby sitter per i bambini a casa da soli, e tutte le altre attività quotidiane che bisogna posticipare o anticipare per far posto all’appuntamento dal dentista.

E il medico?

Per quanto riguarda il medico la filiera si accorcia e i tempi si riducono drasticamente.

La parcella: quella che prima sembrava poter essere motivata dalla presenza di una filiera più lunga (più passaggi col laboratorio, sedute più frequenti), oggi si giustifica con  la prestazione stessa che ha previsto a monte un investimento “importante” per garantire efficienza, comfort e tempistiche ridotte e dall’altro la curva di apprendimento del professionista che ha bisogno di imparare, perfezionare e padroneggiare la tecnica digitale.

Il cambiamento

Per concludere, il percorso di avvicinamento a questa realtà non deve essere repentino e forzato, il professionista deve aver ben chiaro come sia l’andamento del proprio studio, quali siano le prestazioni maggiormente richieste e sulla base delle esigenze del paziente può investire sulle attrezzature e sui software tecnologici più congeniali alla propria attività. L’ammortamento sarà tanto più veloce quanto la prestazione espletata dalla tecnologia digitale prescelta sarà proposta in modo esaustivo al paziente .

L’innovazione o la gestisci o la subisci, di certo non la puoi fermare o ignorare. Questo ci insegna la storia. Il paziente ha inoltre modo di verificare le informazioni che il proprio medico gli fornisce; è fondamentale che quest’ultime siano conformi all’evoluzione dello stato dell’arte e non siano limitate alle tecniche in uso dal dentista stesso. Oggi il paziente è molto informato anche se la quantità di informazioni paradossalmente può generare lo stesso effetto della mancanza di informazioni. Anche per questo il medico, oggi più che mai, riveste un ruolo essenziale per il paziente, a condizione che gli fornisca informazioni oggettive e supportate sempre dall’evidenza scientifica. 

Così facendo Il paziente diverrà la miglior cassa di risonanza per fare pubblicità allo studio, abbattendo le titubanze legate al “valore della prestazione”.

La misura dell’intelligenza è data dalla capacità di cambiare quando necessario
Albert Einstein

Condividi:
Oltre l’Odontoiatria
Blog Bioservice Matrix

Quando parliamo di innovazione in ambito Odontoiatrico la nostra mente ci porta dritti a pensare al cambiamento epocale che il settore sta vivendo grazie alla digitalizzazione dei processi, dalla diagnosi alla terapia (NdR). Vi è tutta via un altro elemento altrettanto importante i cui risvolti sono forse ancora più determinati per il paziente: l’innovazione della e nella comunicazione. Un aspetto ancora poco considerato dai più, ma che di fatto sta cambiando radicalmente l’approccio, e di conseguenza la scelta, dei pazienti nei confronti dell’Odontoiatra. Oggi affrontiamo uno di questi tantissimi aspetti che si celano dietro il generico “Marketing Odontoiatrico”. Parliamo di  marketing esperenziale che sta cambiando il mondo dell’Odontoiatria generando notevoli vantaggi, anche economici, per il paziente e per lo studio.
Citiamo alcuni casi a titolo di esempio in cui gli studi Odontoiatrici hanno deciso di innovarsi  promuovendosi grazie a servizi collaterali che hanno saputo fare la differenza e dirottare pazienti verso la “loro porta”.

Primo esempio: studi Dentistici  hanno pensato di fornire servizi aggiuntivi rispetto a ciò che compete strettamente all’Odontoiatria e ha offerto prestazioni collaterali di grande utilità come test allergologici e per intolleranze alimentari, Kinesiologia e Osteopatia. Nella fattispecie queste ultime due discipline sono rivolte all’equilibrio dell’intero sistema corpo-mente. Le aree prese in esame per riequilibrare questo sistema comprendono l’apprendimento, la comprensione, il movimento, la coordinazione motoria, l’area percettivo/sensoriale e l’area organica e favoriscono bilanciamento biochimico, nutrizionale, fisico, strutturale, mentale, emotivo. Il paziente viene analizzato come un sistema integrato di apparati che sono in stretta dipendenza l’uno con l’altro. Ciò corrisponde alla medicina olistica che non separa mente e corpo nella cura. Tutte queste discipline sono molto in voga e apprezzate dai pazienti che tengono al benessere e sono attratti dalla compenetrazione delle due sfere mediche. Il risultato è stata un’affiliazione e una costanza nelle cure molto più assidua.
Secondo esempio: vengono implementati i servizi per i pazienti concentrandosi su odontoiatria estetica e cosmetica. Esiste un’intera fascia di pazienti che chiede aiuto al proprio Dentista per migliorare la propria “bellezza”.
Per odontoiatria estetica si intende lo studio e la realizzazione di restauri dentali che ripristinino o migliorino l’aspetto estetico. Mentre la cosmetica concerne quella parte di terapie che hanno come obiettivo il miglioramento dell’aspetto di uno o più elementi dentali, dei tessuti orali e periorali, sbiancamento di denti pigmentati, “piercing dentali” ecc..
Il paziente è enormemente attratto da tutto ciò che orbita attorno alla bellezza e alla cura del proprio corpo, anche quando l’intervento è un “vezzo” e non una necessità.

Terzo esempio: si contrappone ai vecchi modelli di studio asettici, che abbozzano una sala d’aspetto confortevole anche se il più delle volte ha la parvenza di un’anticamera del dolore poco luminosa, con orologi a ticchettio, e pochi contributi per lo svago della mente.
Si tratta di uno studio che ha scandito l’attività lavorativa in base alle “passioni” dei propri pazienti: il lunedì, post domenica di partite sportive, è dedicato completamente agli uomini! La sala d’aspetto è una sorta di conviviale situazione in cui giornali, riviste e discorsi vertono sulla critica della giornata di campionato precedente. Il tempo passa veloce e aspettare diventa piacevole, per scambiare l’ultima impressione su questo o quell’altro giocatore, risultato, goal, acquisto, schedina, puntata.
Un altro giorno della settimana è invece dedicato alle donne, la sala d’aspetto si riempie di voci femminili e il plus è costituito da una professionista che in loco svolge la mansione di estetista e allieta l’attesa con trucchi e smalti.
Altre fasce d’orario sono dedicate ai bambini, che si ritrovano in una sala che assume le sembianze di una camera per i giochi in cui il pensiero del dentista viene addolcito da libri, colori e tanti piccoli coetanei.
Accontentando ogni fascia d’età, seguendo le linee generali di interessi comuni, lo studio è riuscito a ricreare un ambiente gioviale in cui la socialità e la cura della mente riempiono i tempi d’attesa e le preoccupazioni.

Conclusioni: questi tre esempi di “mosse strategiche”, costano certamente allo studio una diversa e “innovativa” organizzazione, in virtù della resa finale, del  pieno appagamento del paziente e del suo prezioso tempo. Possiamo perciò affermare che variare e ampliare i propri servizi, puntando all’estetica, alla cura della mente e del corpo, seguendo le passioni dei propri Pazienti, garantisce  enorme ritorno  in termini di reputazione, affiliazione e passaparola.

Cosa ne pensate a riguardo?
Scetticismo vs curiosità…chi la spunta?

Condividi:
INFORMATI E CONSAPEVOLI nel mese dell’ EDUCAZIONE FINANZIARIA
Blog Bioservice Matrix

Il Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria (cui partecipa il Ministero dell’Economia e delle Finanze) promuove la prima edizione del ”Mese dell’Educazione Finanziaria” dal 1 al 31 ottobre 2018.

Nel corso del mese  oltre 200 appuntamenti gratuiti in tutta Italia per imparare a gestire al meglio le risorse finanziarie personali e familiari e approfondire i temi del risparmio, degli investimenti, delle assicurazioni e della previdenza. Il Mese si aprirà con la World Investor Week e terminerà il 31 ottobre, giornata mondiale del risparmio. Obiettivo delle attività del Mese: far crescere l’alfabetizzazione finanziaria degli italiani.

  • Il 63% degli italiani “analfabeta” finanziario  (S&P Global FinLit Survey sulle conoscenze degli over 15 in 140 paesi)
  • Solo il 37% degli over 15 ha chiari i concetti base di inflazione, tasso di interesse e diversificazione del rischio, mentre in Canada, Germania e Stati Uniti la percentuale supera il 60% (dati riportati Annamaria Lusardi, direttore del Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria)

Dopo questa doverosa premessa, doverosa in quanto si tratta della prima edizione nel nostro Paese di questo genere di Evento Nazionale che mira all’orientamento e a fornire le conoscenze base per la gestione finanziaria, desideriamo informarVi di quanto BioService e e Linea Implantare Matrix siano sensibili all’ argomento.
Promuoviamo  informazione e sensibilizzazione sui comportamenti corretti nella gestione e programmazione delle risorse finanziarie con la finalità di garantire la Crescita economica attraverso l’utilizzo appropriato di strumenti finanziari, e formule alternative all’acquisto.

Nella fattispecie stiamo lavorando per garantirVi un’informazione a 360 gradi su come affrontare la gestione finanze all ’interno del vostro studio applicando le formule più convenienti in base al tipo di investimenti di cui avreste bisogno. Non si può fare della buona finanza se non si è fatto anche della buona economia.

La locazione operativa, ad esempio, è una soluzione che consente, a fronte del pagamento di un canone fisso periodico, di avere la disponibilità di un bene strumentale all’esercizio della propria professione o attività imprenditoriale, senza acquisirne la proprietà.

Questo servizio è indicato per Chi cerca una soluzione flessibile, che permetta un continuo rinnovo tecnologico, al riparo dal rischio di obsolescenza dei beni aziendali. Si tratta di un tipo di contratto ormai molto diffuso anche in Italia specie per beni ad alta tecnologia (computer, fotocopiatrici, centralini telefonici, medicali, strumenti di misura), ma che si sta rapidamente affermando anche in altri settori.

I vantaggi della locazione:

  • Risparmio di capitale proprio: con la locazione operativa l’Azienda ottiene il bene che serve per la propria attività senza impegnare capitale e senza appesantimenti di immobilizzazioni nello stato patrimoniale.
  • Miglioramento della situazione finanziaria e Sicurezza di pianificazione grazie ai canoni costanti: la locazione operativa migliora i ratios di indebitamento in quanto non rappresenta (in caso di contabilità secondo standard italiano) un debito per l’azienda ma solo un canone in conto economico.
  • Flessibilità: la locazione operativa non ha durate minime e – a seconda della tipologia dei beni – può prevedere formule che non prevedono il completo ammortamento del bene, permettendo di utilizzare i beni solo per quanto si deprezzano nel corso del tempo del contratto. A fine locazione sono possibili più opzioni (rinnovo, restituzione, prosecuzione, acquisto del bene usato).
  • Prevedibilità e gestione del budget (vantaggi fiscali legati alla deducibilità dei canoni): la locazione operativa opera con canoni fissi dove è compresa anche l’assicurazione del bene e dove possono essere compresi anche servizi di manutenzione o altro.
  • Mantenimento della liquidità
  • Tecnologia sempre aggiornata

Per informazioni dettagliate, contattateci e seguite le pubblicazioni nelle nostre piattaforme.
Chi non si forma si ferma!
Informati e Aggiornati  con Linea Implantare Matrix e BioService.
BioService: Dispensiamo Sapere.

Condividi:
ODONTOTECNICO: UN LAVORO IN VIA D’ESTINZIONE?
Blog Bioservice Matrix

La tecnologia permette di realizzare lavori che si avvicinino alla perfezione e la manodopera va scomparendo. Si prevede che in un futuro prossimo l’automazione sarà così elevata da modificare sostanzialmente buona parte di molte professioni. L’introduzione delle tecnologie digitali è stato il principale motore dell’attuale rivoluzione.

L’ultimo rapporto del McKinsey Global Institute “A Future That Works: Automation, Employment, and Productivity”, conferma questa tendenza: quasi la metà (il 49%) dei lavori svolti oggi nel mondo da persone fisiche potranno essere automatizzati. Anche in Italia, dove il tasso di sostituzione si aggirerebbe tra il 49% e il 51%. Significa che più della metà dei lavoratori italiani, circa 11 milioni di persone, potrebbero essere sostituiti da una macchina.
Il World Economic Forum parla di una perdita di 7,1 milioni di posti di lavoro entro il 2020, compensata da un guadagno di due milioni di posti di lavoro. Quindi, il saldo negativo è di cinque milioni di posti in meno nel mondo entro i prossimi tre anni.

I lavori artigianali saranno quelli più interessati e che risentiranno maggiormente di questo orientamento, seguiti da lavori allo sportello come il cassiere di banca (eclissato dall’home e dal mobile banking) o l’assicuratore (adombrato dalle assicurazioni on-line), ma anche mestieri di sala operatoria e nei servizi pubblici. La cassa automatica sostituisce il cassiere, il bancomat il bancario allo sportello, Amazon e Ali Baba (solo per citare i maggiori colossi) eclissano commessi e agenti di commercio, Booking gli addetti degli hotel e delle agenzie di viaggio, l’email il postino, i robot gli operai, app e siti web i telefonisti dei call center, nei fast food si ordina e si paga tramite schermo touch screen, per comprare un abito basta cliccare la vetrina virtuale sullo schermo del computer e aspettare comodamente a casa la consegna. Esistono molti altri esempi di come l’informatica e le sue applicazioni abbiano cambiato le abitudini di vita e disparati ambiti professionali.

Ma noi siamo qui per parlare di un altro mestiere che inevitabilmente sta vedendo vacillare la propria stabilità: l’odontotecnico. La professione di Odontotecnico è sempre stata di basilare importanza all’interno della “filiera del dente”, tanto da poterla definire insostituibile e necessaria, figura centrale dell’Odontoiatria Protesica. Pensare che questa professione e la relativa fabbricazione di protesi siano estranee a questa tendenza incalzante che mira all’automazione completa dei processi di produzione non è per nulla realistico. D’altro canto, è giusto ricordare che tutte le conoscenze, i materiali e le tecniche in possesso e in uso attualmente nei laboratori odontotecnici sono state a loro volta concepite e sperimentate in un’ottica di evoluzione, come è logico che sia verranno soppiantate e archiviate per lasciare spazio alle novità, in un inesorabile ciclo di vita che viaggia sulla linea del tempo e richiede disponibilità al cambiamento e all’apprendimento.

Quella dell’Odontotecnico rischia di non essere più la figura centrale della fabbricazione protesica? Chi si è salvato dall’avanzare incessante delle nuove tecnologie che sostituiscono la mano dell’uomo con il “braccio robotico” o i macchinari altamente performanti?
Ci si domanda in definitiva quanto sia pronto l’Odontotecnico ad incassare questa svolta epocale, quanto sia aperto nei confronti dei nuovi mercati.
La categoria si è divisa a metà tra chi ha investito ed ha voluto sperimentare il futuro attraverso il 3D e chi, spaventato da costi, curva di apprendimento e scetticismo nei confronti del percorso evolutivo del mestiere, è rimasto fedele alle tradizionali tecnologie sempre avute in possesso (delegando il delegabile).
Sicuramente coloro siano riusciti a salire sul “carro delle tecnologie”, abbiano investito nel futuro, dato vita a collaborazioni con colleghi e reti d’impresa per lavorare in sinergia, scelto percorsi evolutivi per il proprio laboratorio in un’ottica imprenditoriale lungimirante e avveniristica, stanno ora galleggiando ed emergendo.
In primis bisognerebbe saper cogliere l’avanzare delle conoscenze e aver padronanza di queste nuove basilari competenze (il laboratorio si evolve e con esso la figura del professionista), saper sfruttare il momento per fare scelte ed investimenti, strategie di comunicazione e di vendita, proporre e adattarsi alle mutate esigenze del mercato con lavorazioni ad “elevato valore aggiunto”. Ad esempio c’è chi ha puntato su dispositivi medici su misura per la prevenzione dei traumi (es. paradenti professionali per atleti, calciatori, pallanuotisti), c’è chi ha cavalcato il mercato dell’Odontoiatria estetica o dell’ortodonzia. Aumentare il fatturato senza essere nuovamente soffocati da quella che si continua a definire crisi ma che in realtà potrebbe somigliare di più ad una reticenza al “nuovo panorama” e alle “nuove” richieste.

Mettendo da parte ciò che concerne l’apprendimento e la propensione al cambiamento, è giusto sottolineare che gli 800 milioni di euro di entrate che movimenta il mercato italiano del settore dentale (divisi tra studi e laboratori) hanno fatto cadere l’occhio sulla notevole presenza di aziende e centri che si occupano di stampe 3D e tecnologie CAD/CAM. Un mercato che non se la vede più solo con il laboratorio dell’odontotecnico ma con la dominante presenza dei centri di fresaggio e laser melting.
Come dichiarato dall’Unione Nazionale Industrie Dentarie Italiane, in collaborazione con Key-Stone statistiche a cui è stata commissionata l’indagine, i dati dimostrano che il 24% dei laboratori odontotecnici si affida a centri di produzione CAD/CAM, preferendo questa metodica lavorativa a quelle tradizionali proprie dell’odontotecnica.
Aumenta il numero dei laboratori che decide di affidarsi per tutto il processo di lavorazione a questi “centri del digitale”: dalla progettazione fino alla produzione dei lavori stessi.
È giusto che la figura dell’odontotecnico integri nella sua routine professionale tecniche e tecnologie CAD/CAM, in grado di facilitare il lavoro e la qualità delle esecuzioni tenuto conto che il mercato dentale sta fisiologicamente convertendo tutte le tecniche e le tecnologie, fino ad arrivare ad essere quasi del tutto digitale.
Ma le figure storiche della filiera (industrie e fornitori, studi Odontoiatrici e laboratori Odontotecnici) stanno elaborando azioni combinate strategico-imprenditoriali?
La risposta è: non ancora abbastanza.
E’ necessario nobilitare la figura dell’Odontotecnico e privilegiare la collaborazione con gli studi Odontoiatrici in grado di apprezzare la qualità dei laboratori italiani. A livello di gestione aziendale può essere di grande sostegno l’aggregazione di imprese, sia per arginare i costi sia per ottimizzazione le risorse e dominare un mercato complesso.

Le nuove tecnologie richiederanno l’inserimento di figure professionali più tecniche e qualificate per gestire i nuovi sistemi. La formazione dei professionisti sarà di basilare e imprescindibile importanza.

Condividi:
L’odontoiatra ad un bivio tra Passato e Futuro
Formazione Bioservice Matrix

L’odontoiatra ad un bivio tra Passato e Futuro
Dall’analogico al digitale…Dal digitale al 4.0

Il mondo del dentale è travolto da una serie di cambiamenti
epocali. Il passaggio “dall’odontoiatria analogica all’odontoiatria
digitale” è una fase di sviluppo travolgente.
La ripresa economica generale, anche seppur molto debole, sta
imprimendo un’accelerazione a tutti i processi produttivi.
Questo incontro vuole essere l’occasione per presentare prodotti,
ser vizi e strategie affinché si possano cogliere le enormi
opportunità che questi cambiamenti stanno generando.
La maggior parte degli studi e dei laboratori si lasciano “sedurre” da aziende
che spesso riescono a vender loro prodotti obsoleti. Nel settore digitale, tali
prodotti invecchiano in maniera talmente veloce che molte volte si fatica ad
ammortizzarne i costi.
L’obiettivo del corso è fornire le informazioni per rendere realmente
remunerative le opportunità che attraverso questi strumenti si
riescono a cogliere.

Interverrà:

Enzo BortoliniAmm. Del. Bioservice S.r.l. – Linea Implantare Matrix

L’incontro si terrà a Reggio Emilia il giorno 10 Maggio 2018 presso la sede NUOVA DENT.

Condividi: